skip to Main Content
Progetto 2020/2021: “Il Ben-Essere”; 2020/2021 Project: “The Well-Being”

Progetto 2020/2021: “Il Ben-Essere”; 2020/2021 project: “The Well-Being”

Progetto 2020/2021: “Il Ben-Essere”

di Ieris Astolfi

Motivazione

L’emergenza sanitaria che ha colpito il nostro pianeta si ripercuote sulla vita di ciascuno di noi e porta alla necessità di rimodulare gli spazi e i tempi di vita personali e sociali affinché si possa garantire il benessere e la salute individuale e collettiva. La scuola, in quanto agenzia educativa, formativa e soprattutto di vita comunitaria e di autentica relazione adulti-bambini e bambini-bambini, è chiamata a promuovere e far conoscere tutte le azioni miranti alla prevenzione e alla collaborazione attraverso un’informazione giusta, guidata e rassicurante che alimenti la conoscenza utile alla preservazione del benessere, anziché negare, rimuovere e occultare il bisogno collettivo di protezione e responsabilità. Non ci sono argomenti e tematiche per l’infanzia differenziate da quelle per l’età adulta: la differenza sta nel sapere veicolare, a seconda dell’utenza, i messaggi utili, chiari e semplici che promuovano l’autonomia, l’interesse, la consapevolezza e la motivazione intrinseca al benessere individuale e collettivo. Si tratta di una psicologia dell’apprendimento e dell’approccio educativo all’infanzia che mira a rispettare il potenziale sviluppo e la personalità in evoluzione di ciascun bambino e bambina.

Finalità

Il progetto “Il Ben-Essere”, mira proprio attraverso modalità ludiche, creative e ricreative a promuovere ed acquisire comportamenti e azioni utili alla vita quotidiana di ogni bambino e bambina, indipendentemente dall’emergenza sanitaria attuale, in modo da renderli consapevoli e responsabili delle proprie azioni e di aiutarli a capire le azioni e i comportamenti che vengono osservati e vissuti al di fuori della famiglia e della scuola. La conoscenza è l’arma più potente contro l’ignoranza e contro la carenza di senso civico, la mancanza solidarietà e di ogni esclusione sociale; la conoscenza democratica consente di comprendere e fare propri i concetti di libertà, di pace e di solidarietà sociale. Naturalmente il fine ultimo del progetto non sarà quello di alimentare la paura, la fobia e tutti quegli stati emotivi che in questi mesi hanno disorientato tante persone, adulti e fanciulli. Attraverso una chiara spiegazione del perché e del come sia doveroso comportarsi e muoversi nei propri spazi di vita e tempi di vita, il bambino e la bambina acquisiranno ed amplieranno le proprie conoscenze, le abilità igieniche, la padronanza del fare e pensare, la promozione al ben-essere. Il ben-essere è inteso nel suo significato più ampio come condizione di bene-stare, star-bene, esistere-bene, stare-in equilibrio, sia da un punto di vista fisico che psicologico e sociale; un ben-essere che è sempre stato al centro di ogni progetto educativo proposto ai bambini e alle bambine di Mister Fogg in tutti questi anni di attività educativa (il ben-essere in alimentazione, nell’igiene, nella comunicazione adeguata, nell’espressione emotiva, nella creatività, nella libertà, nell’autoeducazione, nel favorire lo sviluppo morale, sociale, affettivo, intellettivo, nell’interculturalità, nell’inclusione, nell’empatia, nel lavoro e nel gioco, nel movimento e nella danza ecc.) e che ora viene allargato alla sfera igienico-sanitaria specifica in riferimento al covid-19; la sostanza di fondo non cambia le finalità della scuola per l’infanzia, si viene ad aggiungere e a precisare con maggior attenzione per focalizzare al meglio il percorso educativo e formativo di ogni bambino e bambina in riferimento all’esigenza igienico-sanitaria attuale.

Obiettivi

Gli obiettivi principali da raggiungere saranno proposti attraverso interventi edu-formativi improntati sulla serenità, l’azione ludica e il gioco euristico, la creatività e l’espressione artistica, il bambino attivo e lo spazio scuola,  la relazione educativa adulto-bambino e l’osservazione. In particolare si specificano i seguenti obiettivi:

  • Rimodulazione degli spazi e tempi di vita (come? e perché?)
  • Attenzione alle ruotine quotidiane (come? e perché?)
  • Azioni/comportamenti giusti ed errati (perché sì? perché no?)
  • La scoperta di parole nuove (il bilinguismo applicato ai temi di cultura medico-sanitaria)
  • La riformulazione creativa dei contenuti (disegni, collage, dialoghi, espressività ecc.)
  • La drammatizzazione di situazioni tipo o di situazioni narrate (ad esempio la salute nelle fiabe)
  • Le emozioni e la loro espressione

Mezzi, strumenti e tempi

Il progetto si inserirà tra quelli previsti dalla programmazione e soprattutto nel primo periodo di inserimento ad inizio anno scolastico; con utilizzo di materiale specifico (dispositivi, libri, immagini ecc.) e di tutto quello già presente nella scuola che può essere utile allo scopo. La compresenza di insegnanti ed ausiliaria permetterà una fluida organizzazione dei momenti progettuali attraverso attività individuali e collettive in piccoli gruppi, all’interno e all’esterno della struttura e in collaborazione con le famiglie. Naturalmente la lingua inglese abbraccia ogni progetto didattico facendo di Mister Fogg la casa delle lingue e dei linguaggi a favore dell’interculturalità e dell’inclusione.

Verifica

In itinere, durante il percorso, con domande e osservazioni e  verifica finale, a fine anno scolastico, con griglie valutative e questionario, preparati appositamente dal team glottodidattico.

 

 

     2020/2021 Project: “The Well-Being”     

by Prof. Ieris Astolfi
translated by Simona Ubertiello

Motivation
The healthcare emergency that has hit our planet has consequences on all of our lives and carries the necessity of remodeling personal and social spaces and times, in order to guarantee collective and individual wellbeing and health. Schools, as an educational and formative agency, particularly promoting communal life and an authentic relationship between adults and children and children to children, is called to deliver all the actions aiming for prevention and collaboration, through correct, guided and reassuring information, which nourishes the knowledge useful for the preservation of the wellbeing, rather than denying, removing and concealing the collective need for protection and responsibility. There are no topics and themes for childhood that are different from those for adulthood: the difference lies in knowing how to convey, depending on the user, useful, clear and simple messages that promote autonomy, interest, awareness and the intrinsic motivation for the individual and collective wellbeing. It is a psychology of learning and of the educational approach to childhood, aiming to respect the potential development and the evolving personality of each child.

Purpose
Through playful, creative and recreational methods, the “Well-Being” project precisely aspires to promote and acquire behaviors and actions useful for each child’s daily life, regardless of the current health emergency, in order to make them aware of and responsible for their actions and to help them understand the actions and behaviors observed and experienced outside of the family and school. Knowledge is the most powerful weapon against ignorance and against the lack of citizenship and solidarity and any social exclusion; democratic knowledge makes it possible to understand and embrace the concepts of freedom, peace and social solidarity. Certainly, the ultimate goal of the project is not to feed fear, phobia and all those emotional states that have disoriented so many people, adults and children in recent months. Through a clear explanation of why and how it is imperative to behave and move within one’s own living spaces and times of life, children will acquire and expand their knowledge, hygiene skills, grasp of action and thought and the promotion of well-being. Well-being is understood, in its broadest sense, as a condition of feeling good, feeling healthy, existing well, feeling balanced, from a physical, psychological and social point of view; a well-being that has always been at the center of every educational project offered to the boys and girls of Mister Fogg during these years of educational activity (well-being in nutrition, hygiene, adequate communication, emotional expression , creativity, freedom, self-education, the promotion of moral, social, emotional and intellectual development, in multiculturalism, inclusion, empathy, work and play, movement and dance, etc.), and which is now extended to the specific health and hygiene sphere referring to COVID-19; the underlying essence does not change the purpose of the preschool, but it is added and specified with greater attention, to fully focus on the educational and formative path of each child, with reference to the current health and hygiene needs.

 

Goals

The main objectives to be achieved will be put forward through educational-formative actions based on serenity, playful action and heuristic play, creativity and artistic expression, active child and school space, the adult-child educational relationship and observation. In particular, the following aims are specified:

– Remodeling of spaces and times of life (How? And why?)

–  Focus on daily routines (How? And why?)

– Right and wrong actions/behaviors (Why? Why not?)

– Discovery of new words (bilingualism applied to medical-health cultural issues)

– Creative reformulation of the contents (drawings, collages, dialogues, expressiveness, etc.)

– Dramatization of typical or narrated situations (for example, health in fairy tales)

– Emotions and their expression

Means, tools and times

The project will be included among those scheduled by the programming and especially in the first period of integration, at the beginning of the school year; with the use of specific material (devices, books, images, etc.) and everything already present in the school, that can be useful for the purpose. The co-presence of teachers and the helper will allow a fluid organization of the projectual moments, through individual and collective activities in small groups, inside and outside the structure and in collaboration with the families. Of course, the English language embraces every educational project, making Mister Fogg the home for languages and terminology favoring multiculturalism and inclusion.

Assessment

Along the way, with questions and observations and a final assessment, at the end of the school year, with evaluation grids and a questionnaire, specially developed by the language teaching team.

Back To Top